VI edizione dal 17 al 23 settembre 2018

Organizzazione Parmaoperart - Direzione Artistica M° Riccardo J. Moretti

CASA DELLA MUSICA, Parma Piazzale San Francesco 1

Comune di Parma

Parma musicfilm festival
Violetta d' Oro miglior colonna sonora Claudio Fasoli’s Innersounds Violetta d' Argento miglior film ASINO VOLA

Il Parma International Music Film Festival si è concluso domenica 23 settembre con la premiazione. Un’edizione caratterizzata da una notevole affluenza di pubblico assai variegato che ha apprezzato sia i film in concorso sia gli eventi collaterali, tutti con la musica come protagonista. Giunto al sesto anno di vita questo festival è diventato parte integrante della città, ha sottolineato il sindaco Federico Pizzarotti, presente alla cerimonia assieme all’assessore alla cultura Michele Guerra. La giuria, composta da M° Riccardo J. Moretti, compositore e direttore artistico del festival, Giovanni Battista Marras, autore della fotografia, Alan Baumann, giornalista e scrittore, Adriana Chiesa, produttrice, Fariborz Kamkari, regista e  Fabrizia Falzetti, produttrice ha voluto premiare opere nazionali ed estere caratterizzate da originalità, profondità del messaggio e intensità della musica.

Il premio più rilevante, la Violetta d’Oro per la miglior colonna sonora va a un gigante del jazz, Claudio Fasoli per il film a lui dedicato Claudio Fasoli’s Innersounds di Angelo Poli e Carlodavid Mauri. La Violetta d’Argento per il miglior film va a Asino vola di Marcello Fonte e Paolo Tripodi. Una giovane promessa del cinema, Maria Roveran si aggiudica il premio come miglior interprete per il film Resina. Un ex-aequo per la miglior sceneggiatura: Una vita sublime del portoghese Luis Diogo  e The Genius di  Simone Schiralli. A quest’ultimo anche il premio per la miglior fotografia (The Genius).

Un Premio speciale della Giuria per l’ originalità del documentario va a Sicula iOpera di Catherine Henegan.

La Art Pop Jury, composta da registi, musicisti e studenti universitari di cinema di Parma ha assegnato il premio a Resina, regia di Renzo Carbonera.

Il Premio Malerba ha assegnato il suo riconoscimento alla sceneggiatura  del cortometraggio iraniano The last embrace di Saman Hosseinpuor.

Il Premio MUP ai giovani autori: uno al film Paolo Toschi, un viaggio nella storia Ottocentesca, un lavoro della IV a del Liceo Artistico Toschi,  e l’altro a Luca Pedrinzani Salani e Gabriele Gavarini per il cortometraggio La perseveranza di Teré.

Si conferma l’intenso legame tra musica e cinema, tra emozioni e immagini a cui questo festival, unico in Europa, rende omaggio.

 

credits